Sala del Belli

Nella sala sono esposti i bozzetti preparatori di diverse opere realizzate a Roma dallo scultore nisseno e i premi e i riconoscimenti che ne ottenne. Spicca tra tutti il Monumento a Gioacchino Belli, eretto nella omonima piazza di Roma il 4 maggio 1913, di cui si possono osservare diversi bozzetti e studi. Il modello da lui presentato alla commissione preposta alla scelta, aveva vinto solo di stretta misura sugli altri concorrenti, ma il risultato finale ottenne un grande successo e piacque molto ai romani. Rappresenta il poeta Belli appoggiato al parapetto di un ponte, mentre un gruppo di popolani ride leggendo le sue poesie satiriche.
Nella sala sono esposti anche i bozzetti di altre opere romane prodotte dal nostro artista nel periodo della maturità, tra cui un bassorilievo per l'altare della Patria, l'Allegoria della Sicilia, raffigurante la dea Cerere con un fascio di spighe tra le braccia; e L'Immacolata per la chiesa di san Gioacchino a Roma.
Interessante una testa in bronzo dell'imperatore Galba di grande intensità espressiva, che vinse la medaglia d'argento all'esposizione di Barcellona e del quale si conserva anche il bozzetto in gesso.

 

Sala del Belli

Visita...

Sala degli Oratori

Visita...

Sala dell'Orfeo

Visita...

Sala degli Angeli

Visita...
 

« Che il tuo genio nel marmo hai così impresso Che pur mirando ad eternare il Belli, Sei riuscito a immortalar te stesso! »

(Cav. Avv. Giuseppe Geraci "Lazio ieri e oggi", fascicolo XXV -1989.)

  •